martedì 14 agosto 2012

Lei partita, io tanto bene, ma un po' invidiosa

Finalmente è partita. Domenica mattina io sono uscita presto per visitare Carrara, le cave di marmo e il museo del marmo. Un pezzo di storia dell'Italia riassunta in una galleria dentro il cuore delle montagne toscane.

Al mio ritorno era ancora lì e me è preso un coccolone. Ma la sera finalmente se ne andata. Madame Bovary della Transilavania ha caricato la macchina il mattino, si è goduta la giornata in piscina e poi si è fatta venire a prendere dallo Ieti in fuoristrada che l'ha traghettata verso un'altra meta.

"Io parte, ciao. Bello conoscerti. Tu brava donna."

"Ciao, buon rientro in Romania"

"Romania? No, io va in altro posto ancora settimana, poi lui porta me in vacanza"

Vacanza? E i nipotini, i figli, il richiamo della terra natia?

"Lui, tanto male. Così, lui porta me in vacanza"

E fino adesso cosa ha fatto? Ditemi dove si impara a vendersela bene e se c'è il test d'ingresso, perché temo di non superarlo.