mercoledì 28 novembre 2012

Tff: ma l'etica del lavoro è o no cosa nostra?

Alzi la mano chi non ha provato dolore nel sapere che le scarpe da ginnastica indossate per passeggiare sono state cucite in Bangladesh per quattro soldi, o chi non si sia indignato di fronte allo sfuttamento del lavoratori laureati nei call center.

Ecco. Lo stesso vale per il Tff, o almeno così dice  Paul Laverty, sceneggiatere dei film di Ken Loach, il regista che ha rifiutato il  premio gran Torino per solidarieta ai lavoratori sfruttati della cultura. La lettera,  pubblicata dalla Stampa di Torino,  accusa di politica di Ponzio Pilato il Tff.
Leggetivi il j'accuse

http://www.lastampa.it/2012/11/28/spettacoli/festival-di-torino/2012/il-festival-fa-come-ponzio-pilato-lo-sceneggiatore-di-loach-all-attacco-QsUoQjhamQ8Z5rixFEfoDM/pagina.html