martedì 24 settembre 2013

Alta pressione e falsa abbronzatura

Nonostante l’alta pressione che ci regala ancora uno scampolino d’estate, il mattino fa un po’ freschetto per indossare la gonna senza calze. Specie se si va in bici. Se si aggiunge la consolidata abitudine di fare vacanze culturali, che so, città e villaggi situati tra Balcani e Carpazi, che arricchiscono la mia interiorità, possono anche migliorare il curriculum, ma di abbronzatura non se ne parla proprio, il gioco è fatto.

Così il mattino mi rimanda gambe ancora piacenti, ma inesorabilmente bianche. E non bastano quei pochi minuti di colazione o di gardeng sul terrazzo di casa mia, sebbene esposto a sud, a donare il colore del miele, ma neanche una scottatura a fasce orizzontali.

Per carità, non si suggerisca l’autoabbronzante, un maledetto fluido che spalmato sulla pelle regala mani da tintore di Fes e sugli abiti disegna stelle e strisce color terra di Siena, rigorosamente indelebili.

Perciò non rimangono che le vecchie e care calze, oggi prodotte in 50 sfumature di oro, che rendono le gambe abbronzate, lisce e addirittura più lunghe. Peccato dover rinunciare al sandalo e/o all’open toe, così di moda nelle mezze stagioni. Sì, perché rinunciare a esibire pedicure impeccabile e smalto rosso cina è un insulto alla vostra estetista, quella laureata in scienze della formazione, con un master in antropologia delle popolazioni migranti e poliglotta anche sulle lingue emergenti, ma che per lavorare ha dovuto seguire un corso regionale di 90 ore sulle applicazioni del fornetto per 37 marche di smalto semipermanente.

E se non altro per questo che occorre  rendere onore al nails decor. Niente paura. Ci ha pensato una nota marca di calze, che per la modica cifra di 6 euro e mezzo, regala alle vostre gambe un incarnato degno di una mulatta pur offrendo agli sguardi interrogativi delle vostre amiche, dita dei piedi libere dalla microfibra.

Sì, sì. Avete capito bene. Stiamo parlando di calze open toe.

Un successone quando le indossate per andare al lavoro in bici. Le donne guardavano stupefatte indicando i piedi, i muratori lanciavano contro il muro la cazzuola per poter fischiare con entrambe le dita, i vigili non riescono  a dirigere il traffico, i semafori impazziscono,  gli uomini alla guida sbirciano sottecchi e le mogli coprono loro gli occhi, creando, tutti insieme, un disordinatissimo ingorgo di cui voi siete l'unica responsabile. E le vostre calze, delle complici.
Il mio ingresso in ufficio è stato salutato da grida di giubilo e sguardi maligni, mentre io gongolavo come una coccinella su un filo d'erba.
Ma tutto questo è durato meno di un’ora.
È bastato il bisogno fisico e una visitina al bagno, uno sgabuzzino in stile ex Ddr  dalle dimensioni lillipuziane che poco si adatta alle mie forme giunoniche, e pure alla mia distrazione, per rompere l'incatesimo. Infatti  mentre armeggiavo sotto la gonna, ecco il maledetto ciondolo che si impiglia bruciando in un attimo la spesa più intelligente che abbia fatto negli ultimi sei mesi.

Così la mia vanità è stata punita, ferendomi nell'orgoglio. E di fronte alla smagliatura che si allargava  a vista d’occhio, non ho potuto fare a meno di sfilarmi i collant e uscire dal cesso con le gambe bianche come due mozzarelle.
Volevo sprofondare.