venerdì 27 dicembre 2013

Kazakistan: Alma Shalabayeva ha la sindrome di Stoccolma

Alla fine ce l'abbiamo fatta a riportare in Italia la povera Alma Shalabayeva, la moglie del dissidente kazako rapita e rispedita in patria da alcuni funzionari del ministero dell'Interno in circostanze misteriose e imbarazzanti per il nostro governo. 

Ma il passato è passato e ciò che conta è il presente e oggi sulle prime pagine dei notiziari la Shalabayeva, e i suoi tre figli, sorridono felici e ringraziano pure l'Italia. 

Va be' che di questi tempi bisogna essere grati per il fatto stesso di vivere, ma ringraziare i tuoi rapitori. Non è che questa signora ha la sindrome di Stoccolma?